Cosa fare per rinforzare l’autostima di tuo figlio

31 gennaio 2013- di

 

autostimaRinforzare l’autostima di un bambino di fronte ai primi fallimenti è un patrimonio da coltivare fin da subito. «Abituarlo a non nascondersi ogni volta dietro la gonna di mamma, lo aiuterà a crescere più forte e sicuro di sé» dice Alberto Pellai, psicologo dell’età evolutiva.

Cosa fare
Arriva terzo a una gara e si sente sconfitto. Il suo disegno è più brutto di come pensava e ci resta male. Un amico lo aggredisce a scuola e piange. «In tutti questi casi, spiegategli con dolcezza che gli errori sono opportunità di miglioramento» dice l’esperto. «Sottolineate i momenti in cui ha fatto bene, anziché quelli in cui ha sbagliato. E raccontategli come avete fatto voi, da piccoli, a superare i momenti di sconforto».

Cosa non fare
“Povero amore mio, vieni qui dalla mamma”… «Non commiseratelo» avverte l’esperto. «Confortarlo troppo quando si crede un perdente aumenta le sue fragilità e insicurezze. Ma non esagerate neanche con l’atteggiamento opposto. Guai a dirgli: “Sei proprio uno stupido!”. Svalutarlo non lo sprona a diventare un “duro” per reazione. Lo fa solo chiudere in se stesso».

Tratto da il bambino, il giornale per le mamme e i papà di Donna Moderna

Segui @dmbambino