Bambini e intolleranze

Sono giorni in cui per lavoro e per circostanza (la pupa vittima di un’orticaria virale e alimenti finiti sulla lista nera per una settimana) ho letto, scritto e vissuto di intolleranze e allergie.

Come si scopre dai dati presenti in rete (tra il 3% e il 6% dei bambini sotto i tre anni sono colpiti da allergie alimentari), il problema colpisce una percentuale consistente di pupi, in buona parte risolvendosi poi in età prescolare.
Tra allergie  e intolleranze passano una serie di differenze, le prime sono una manifestazione immediata al contatto con la sostanza incriminata. L’intolleranza, invece, è per lo più una reazione lenta, che insorge dopo ore o giorni di assunzione ripetuta della sostanza alimentare (o di contatto con un agente ambientale non necessariamente alimentare) verso la quale si ha una reattività.

Quali sono gli alimenti che più comunemente scatenano la reazione?  Per quello che riguarda le allergie nella lista sono da inserire: latte, uovo, frumento, frutta secca (soprattutto arachidi), gamberetti e crostacei, pesce e soia, mentre le intolleranze riguardano latte, frumento, grassi vegetali e lievito.

Da ricordare che nel caso dell’intolleranza si può costruire gradualmente una tolleranza agli alimenti eliminati attraverso un’assunzione graduale, in piccole dosi, facendo attenzione se insorgono particolari reazioni.
Una ricetta a prova di tolleranza? Un riso bicolore, rigorosamente di stagione, senza glutine e latticini.

Ingredienti
30 gr di riso baby
1 fettina di zucca mantovana
una manciata di piselli spezzati
1 foglia di alloro
1 cucchiaino di olio
brodo vegetale

Procedimento
Tagliate la zucca a pezzetti e mettetela in una casseruola piccola con il cucchiaino di olio, quindi bagnate con il brodo vegetale e cuocete per dieci minuti, aggiungete il riso, ancora eventuale brodo e portate a cottura. Nel frattempo lessate i piselli in acqua fino a quando sono morbidi, frullateli con parte dell’acqua di cottura e un cucchiaino di olio. Servite il riso arancione con la passata di piselli sul fondo a far da prato.