Cosa fare per educarli al rispetto delle regole

regole

«Perché non hai ancora messo a posto i giocattoli?».

Verso i 3 anni i bambini, in fase di affermazione di sé, cominciano a disobbedire. È normale. Ma, per educarli al rispetto delle regole, conta molto lo stile dei genitori. Letizia Maduli, responsabile del dipartimento di psicologia evolutiva dell’associazione Srm psicologia ci dice quali sono gli errori da evitare.

Urlare

Il bambino si spaventa e, anziché ascoltare le parole della mamma, si sente aggredito.

Fare confronti

Questo crea una competizione negativa tra coetanei (peggio ancora se accade tra fratelli). E contiene un giudizio generale perché stabilisce che c’è un bambino bravo e uno cattivo. Un rimprovero, invece, deve riguardare l’episodio specifico. E rispettare la personalità del bambino.

Dare regole vaghe

Il bambino ha giocato a palla in casa? Inutile sgridarlo se nessuno gli ha mai detto che non si può fare e perché.

Dimenticarsi della punizione

Mai dire: «Se non la smetti, niente tv per una settimana» se poi non si mette in atto quanto si è detto. Agli occhi del bambino si diventa poco credibili.

Tratto da Il Bambino, il giornale per le mamme e i papà di Donna Moderna