Obesità infantile, come prevenirla

Obesità infantile

credits: istockphoto

Le nonne (e le mamme) impazziscono per quei rotolini su gambe e braccia. I pediatri della Sip e della Finp, invece, mettono in guardia: in Italia è in aumento l’obesità infantile.
Gli ultimi dati dicono che riguarda il 20 per cento dei bambini sotto i 3 anni. Un disturbo che, con il tempo, può portare a patologie come pressione alta, diabete e ipercolesterolemia.

Ma come capire se il proprio piccolo è pericolosamente in sovrappeso? Lo spiega Alberto Della Valle, responsabile del Centro obesità dell’ICCS di Milano.

1. Andare dal pediatra che, con una visita accurata, potrà confrontare il rapporto tra peso e altezza del bambino con i valori riportati dalle tabelle di normalità ponderale.

2. A casa, adottare una dieta bilanciata senza eccessi di proteine o carenze di minerali. Quindi completa e varia: la monotonia alimentare è l’anticamera del sovrappeso.

3. Non utilizzare il cibo come premio né minacciare punizioni se non mangia qualcosa. Altrimenti il piccolo imparerà a “consolarsi” con il cibo e, allo stesso tempo, odierà le scelte salutari.

Tratto da Il Bambino, il giornale per le mamme e i papà di Donna Moderna