Gioca da solo? Come insegnargli a socializzare

Al parco non socializza e, quando i compagni vengono alla sua festa di compleanno, si rintana in camera. «Non sempre, dopo i 3 anni, il bambino è pronto a interagire con gli altri» spiega la psicologa Sarah Cervi.

Come aiutarlo? Divertiti con lui.

È dal rapporto con i genitori che si impara a stare in compagnia.

«L’ideale è ritagliare del tempo per giocare insieme» consiglia l’esperta. «In parte sottostando alle sue regole e, in parte, imponendo le proprie: così il piccolo, egocentrico per natura, si abitua a mediare tra diversi modi di stare insieme».

Portalo dai compagni

Sì a parchi giochi e festicciole, ma senza forzarlo a unirsi agli altri se preferisce rimanere in disparte.

socializzazione

«Quando sarà pronto a stare in gruppo lo farà da solo» dice Cervi. «E se i bambini litigano, vietato intervenire: risolvendo i conflitti i piccoli imparano a legare».

Rispetta le sue scelte

A parte il temperamento solitario, il bambino è allegro, sereno e a scuola partecipa alle attività? «Occorre rispettare la sua indole» conclude la psicologa. «Come tra gli adulti, c’è chi ama il lavoro di squadra e chi no».

Tratto da Il Bambino, il giornale per le mamme e i papà di Donna Moderna