Come si comincia ad andare in bicicletta

biciclettaÈ una legge della fisica, ma sembra magia.

«Trovare l’equilibrio su due ruote è un momento indimenticabile, che in genere arriva dopo i 4 anni e segna l’inizio di mille avventure» dice Silvia Malaguti, del gruppo Scuola di Fiab, la Federazione italiana amici della bicicletta.

Qui, consiglia a mamma e papà come aiutare il piccolo ciclista.

Via le rotelle Il bambino deve capire subito che la bicicletta non sta in piedi da sola: è lui che deve reggerla e dirigerla con la forza delle gambe.

A tutta spinta All’inizio via i pedali. Il piccolo deve muoversi in avanti spingendo con i piedi. Quando sarà in grado di percorrere parecchi metri con una sola spinta, sarà pronto per pedalare.

Occhio al sellino Va regolato in modo che i piedi siano poggiati a terra e le ginocchia un po’ piegate: è la giusta posizione per sperimentare l’equilibrio da padroni del mezzo.

Stop alle pretese All’inizio si cade: è normale e un po’ frustrante. Ecco perché è bene non insistere, ma dare coraggio. E aspettare che il piccolo sia pronto, lasciandolo sperimentare in un posto pianeggiante e privo di ostacoli.

Tratto da Il Bambino, il giornale per le mamme e i papà di Donna Moderna