Come insegnare a tuo figlio a fare la colazione

Latte o spremuta, un frutto, cereali o biscotti: mangiare al mattino fa bene. Perché migliora la resa scolastica, riduce il livello di colesterolo cattivo e stimola il funzionamento degli ormoni. È il risultato di un’indagine presentata da Kellogg’s Italia e dalla Fondazione Adi (Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica).

Peccato che, in realtà, molti bambini entrino in classe con lo stomaco vuoto. Cosa fare «Sedere tutti insieme a tavola è fondamentale per invogliare il bambino a fare colazione» spiega Giuseppe Fatati, presidente Adi. «Si crea così un piccolo rito, che permette di iniziare la giornata con il piede giusto».

Cosa non fare: cenare tardi e andare a letto all’ora degli adulti. In questo caso, infatti, è normale che, al mattino, il piccolo non abbia appetito. Ma anche proporgli sempre gli stessi alimenti non aiuta.

«Il trucco è variare» consiglia l’esperto. «Oggi frullato e biscotti, domani una torta leggera oppure lo yogurt con i cereali. L’effetto sorpresa è un ottimo stimolo anche  per i bambini che, a tavola, sono pigri».

Tratto da Il Bambino, il giornale per le mamme e i papà di Donna Moderna