Stop al baby trucco

Smalti, ombretti, gloss della mamma sono un’attrazione irresistibile per le bambine. Ma a risentirne è la loro pelle, che si irrita facilmente. Per questo ci vuole misura. E prodotti su misura

tips

Suri Cruise, la baby vip più fotografata al mondo, va matta per il rossetto color fragola e lo mette persino per andare al parco. Promette bene anche Sunday Rose, la figlia di Nicole Kidman che da quando aveva 2 anni, a detta della madre, era già in grado di truccarsi da sola. Le piccole star fanno tendenza e le nostre bambine vogliono imitarle, pasticciando con ombretti e lipstick. Un fenomeno che, secondo la Fimp (Federazione italiana medici pediatri) è in crescita e che, nelle piccole tra gli 8 e i 12 anni, ha provocato un aumento del 16,7 per cento dei casi di dermatite da contatto dovuta ai cosmetici. «La pelle delle bambine non è in grado di difendersi dalle sostanze chimiche presenti nei cosmetici. È fragile e ipersensibile ed è facile che sviluppi reazioni allergiche» spiega la dermatologa Magda Belmontesi. Ma per molte di loro truccarsi è un’attrazione irresistibile. Come comportarsi?

Il make up più sicuro

«Stendere il rossetto o lo smalto a questa età rappresenta il desiderio di entrare a far parte del mondo delle donne, è una spinta naturale che va indirizzata. Innanzitutto con i prodotti giusti» spiega Lisa Bressan, psicologa e make up artist dell’Atelier di maquillage correttivo dell’Università di Milano. «Il mio consiglio è di evitare quei cosmetici che si trovano all’interno di confezioni giocattolo perchè non sono testati e quindi ad alto rischio. Ci sono poi le baby trousse che si acquistano in profumeria. Sono fascinose, colorate e profumate ma vanno usate con un po’ di attenzione, spiegando alla bambina alcune semplici regole: lavarsi le mani prima di toccare i trucchi, non scambiare il mascara con l’amichetta, pulire il rossetto con una velina se si è condiviso con una compagna, chiuderlo sempre dopo averlo usato per mantenerlo il più possibile pulito». Per minimizzare le reazioni cutanee, sarebbe meglio usare prodotti dermatologicamente testati, acquistati in farmacia. «In questo caso ci si può fidare di più e anche le bambine con una pelle delicata o con la tendenza alla dermatite atopica possono utilizzarli» spiega Bressan.

Le occasioni giuste

Una volta spiegate queste semplici regole, si può stabilire insieme alla piccola in quali occasioni usare il make up. «Il trucco deve essere considerato un gioco riservato a situazioni particolari, come una festa di compleanno o un pomeriggio speciale con le amiche» raccomanda la psicologa Bressan. Occorre poi decidere insieme alla piccola quali cosmetici sono più adatti a lei. Per esempio, via libera a gloss per le labbra, o meglio ancora burrocacao colorati che ammorbidiscono e nutrono, e a un po’ di ombretto perlescente sulle palpebre. Un po’ di mascara si può concedere ma deve essere ipoallergenico perchè la zona è molto delicata. Sulle guance bastano due pomelli disegnati con un fard in crema, giusto per dare alla piccola la sensazione di avere un colorito più acceso. E infine, perchè no, invece dello smalto, qualche sticker stravagante sulle unghie le farà sentire “fatalissime”!

Tratto da Il Bambino, il giornale per le mamme e i papà di Donna Moderna