Basta giocare in casa: oggi usciamo!

01 febbraio 2013- di

Lo so, fa freddo, e tutto ciò che desideri è contemplare la brina da dietro alla finestra della sala, con in mano una tazza di qualsiasi cosa, purché bollente, non certo uscire con tutta la tribù! Non sembra proprio, sulla carta, il momento migliore per il mio ultimo asso nella manica per divertirsi con i bimbi, ovvero basta giocare in casa: oggi usciamo!

I più gelidi giorni dell’anno, secondo la tradizione, sono quelli a cavallo tra gennaio e febbraio. Li chiamano “i giorni della merla”, che si rifugiò in un camino per riscaldarsi, uscendone, da bianca che era, interamente annerita dalla fuliggine. Se perfino una merla cerca di entrare in casa in ogni modo, perché noi dovremmo lottare per uscire? Tuttavia se per il quarto weekend di fila il brutto tempo vi costringe a restare barricati a giocare in casa, sono certa che sarà semplice vedere i lati positivi di questa alternativa!

credits: Giada Francia

Tra i consigli dei pediatri compare anche quello di proporre al bimbo una passeggiata quotidiana anche in inverno: ci assicurano che basta scegliere l’abbigliamento adatto per non rischiare alcuna malattia, che migliora l’appetito, permette ai bimbi di confrontarsi con nuovi stimoli, ecc…
A me servono motivazioni migliori, perché solo l’idea di vestire mio figlio da capo a piedi mi fa rabbrividire, non di freddo, ma di paura! È un’operazione estenuante compensata solo dal suo buffo aspetto da fungo quando indossa quel cappellino rosso. Però so che una passeggiata, anche breve, lo farà sfogare più di quattro ore di giochi e invenzioni tra le mura di casa, e con un po’ di fortuna io potrò incontrare altri genitori disperati alle prese con l’esaurimento da vita casalinga, con cui scambiare un paio di frasi di circostanza sul freddo: non sembra un granché? Sempre meglio che giocare di nuovo con la macchinina della polizia, no?