Che risorsa preziosa i nonni. Anche se a volte…

credits: Fotolia

I nonni andrebbero considerati un patrimonio dell’umanità. Come quelli che rientrano nelle grazie dell’Unesco. Chi ha la fortuna di beneficiarne dovrebbe considerarsi fortunato, molto fortunato. Sono una stampella efficiente ed efficace quando i genitori non riescono a starsene in piedi da soli, arrivano dove mamma e papà sono impossibilitati a farlo (gli fai fare tu i compiti? Lo accompagni a scuola? E magari lo vai a riprendere? Ci pensi tu alla merenda? E via, verso l’infinito e oltre).
E per questo i nonni andrebbero celebrati ogni giorno della loro esistenza.
Ma non tutte le ciambelle riescono con il buco. Sono buone lo stesso quelle senza, intendiamoci, ma è lo spazio al centro che fa la differenza nella loro fragranza e bontà. Perciò golose sì ma pesanti, a volte troppo.

Il difetto dei nonni è essere a volte pesanti proprio come quelle ciambelle prive della forma classica.

Insomma, si fa fatica a digerire la loro vanagloria in tema di educazione e crescita dei figli/nipoti.