Genitori da dieci… con lode!

22 febbraio 2013- di

Il pasto deve essere vissuto bene non solo dai ragazzi ma anche dagli adulti che, anzi, per lo più sono coloro che, come si dice, conducono il gioco.
Ecco allora dieci punti a cui ripensare quando la stanchezza o la delusione prendono il sopravvento.

genitori guida

credits: Matteo Docfuz

E soprattutto, non mi stancherò mai di ripeterlo, non preoccupatevi se non vi sentite genitori: coltivate la consapevolezza, è dentro di voi.
1. Genitori che non smettono mai di essere una guida, anche a tavola, e mai si sostituiscono ai bambini: io li chiamo “genitori faro”.
2. Genitori che sbagliano, tutti i giorni, e pure in cucina. È bene e normale che sia così, purché capiscano che sperimentare fa parte dell’educare, prendendo l’errore come un’occasione di miglioramento.
3. Genitori che insegnano partendo sempre dal buon esempio, anche su come nutrirsi e come comportarsi educatamente a tavola.
4. Genitori che sanno usare e alternare dolcezza e fermezza.
5. Genitori capaci di ascoltare in modo autentico e profondo.
6. Genitori che sanno dire NO.
7. Genitori che ogni giorno dedicano ai loro figli un po’ di tempo per parlare, comunicare e… per giocare!
8. Genitori che danno regole semplici e chiare, e soprattutto coerenti.
9. Genitori che lasciano annoiare i bambini, i quali non hanno bisogno che si riempia loro il tempo: la noia è uno spazio creativo.
10. Genitori che al momento giusto fanno un passo indietro, lasciando i figli a sbrigarsela da soli, senza prenderne il posto.

Tratto da Facciamo la pappa, di Francesca Valla, Mondadori