Come prepararsi al parto

L’ultimo mese di gravidanza, nonostante gli acciacchi decuplicati, il peso da sopportare e supportare e i giorni che sembrano scorrere con il contagoccie, è il periodo migliore.
Vivi nell’attesa del parto e del momento dell’incontro con quell’esserino che ha abitato il tuo utero per otto mesi. E prepararsi al parto oltre che psicologicamente ma anche logisticamente è fondamentale. Bisogna decidere molte cose e bisogna sapersi organizzare per tempo.

prepararsi al parto

credits: goetter

Si organizzano gli spazi in casa, si fanno acquisti, si ricevono regali, e – cosa fondamentale – si decide dove partorire e perché in quel preciso posto.

Occorre programmare una visita nella struttura in cui hai deciso che il tuo bambino vedrà per la prima volta la luce. Chiedere di fare conoscenza con un’ostetrica che possa dare delle indicazioni sull’organizzazione del reparto maternità, una lista delle cose da portare per sé e per il bambino, le informazioni su come si svolge il travaglio. Insomma, arrivare preparate per ridurre al minimo i potenziali imprevisti che possono essere evitati.

Hai già pronta la valigia per l’ospedale?

Evita di portarti dietro tutta la casa o il guardaroba che ritieni più cool e glamour. Dopo il parto vorrai indossare solo qualcosa di comodo.
Ti basta una borsa di dimensioni ridotte che stia nell’armadietto dell’ospedale. E integra la lista che ti viene fornita in ospedale con la nostra lista di cose da mettere nella valigia per il parto.