Shopping per il bebè: papà pazzi per la spesa!

Uomini e shopping vi suona poco o niente?
Non avete visto un papà in attesa in azione con lo shopping per il bebè.
Sarà per quella sensazione out of the box che fa sentire i papà dei satelliti della coppia mamma-pancione, ma il papà, quando si tratta di preparare il corredino, si scatena senza paura di consumare la carta di credito.

Per cui cari papà in arrivo e in ascolto, questo post è un severissimo avvertimento: non strisciate! Mettete la carta di credito in congelatore e non fatevi contagiare neppure da quelle magliette ruffianissime che escono sotto la festa del papà e che trattenersi è dura.

shopping neonato e papà

Le spese per il bebè

Con tutte le spese che un bebè e la sua cacca portano con sé, bisogna frenare l’istinto a super dotare il proprio bimbo di accessori intravedendo già la sua carriera di astronauta primo uomo su Marte. Gran parte delle cose che banner web e annunci puntati verso la futura mamma annunciano come necessarie sono in realtà inutili.

Esempio pratico. Comprare biberon,  scaldabiberon etc prima di sapere se il latte sarà di mamma o no non ha senso. Ma c’è chi si attrezza per nulla. E lo stesso vale per mille altri casi. Tipo ogni ospedale ha la sua lista corredino e quanto c’è scritto basta e avanza, poi ci penseranno amici e parenti a coccolarvi di regali (credetemi che pure la zia tirchia si redime di fronte a quel frugoletto).

Proponete alla futura mamma un bebè friends riciclone tour, che tradotto sta per approfittate degli amici che ci son già passati per chiedergli se vi prestano passeggino o lettino, fasciatoio o vestitini.

Un bebè per fortuna non ha bisogno di praticamente niente così voi potete concentrarvi su di lui… e risparmiare budget di shopping per quando gli comprerete la prima tuta spaziale!

Ps: ah dimenticavo, i papà non possono cedere di fronte all’acquisto di accessori del tipo da appendere