I non-nonni: la vecchiaia da amare

20 dicembre 2013- di

Ti voglio raccontare dei non-nonni.  Hai presente quella signora con molti anni e pochi amici vicino che abita nel palazzo di fronte? Lo incontri quel vecchio, quando vai a comprare il giornale, che sta sempre lì, intorno all’edicola, speranzoso di chiacchierare di politica con qualcuno?

credits: Monica Penitenti

Bene, falli incontrare con i tuoi figli. Magari i tuoi bimbi non hanno i nonni “a portata  di mano” e rischiano di non incontrare abbastanza spesso persone anziane, di interagire con loro e questo sarebbe un vero danno per loro, per gli anziani e per tutti noi.

Saranno, i tuoi figli, persone rispettose della vecchiaia, quando diventeranno adulti? Diciamo che è più probabile se tu avrai permesso loro (incoraggiandoli) di frequentarla. Se non incontrano quotidianamente persone che hanno molto vissuto, infatti, rischiano di perdersi tutti i racconti, gli insegnamenti e tutta la tenerezza che anche i più burberi sanno esprimere.

Al momento, magari, dalla mattina alla sera frequentano soltanto persone al di sotto dei settanta anni, perché le maestre sono abbastanza giovani, gli istruttori in palestra/piscina/maneggio lo sono, così come i catechisti e la baby sitter è giovane, la collaboratrice domestica lo è, insomma intorno ai tuoi figli si muovono perlopiù persone abili al lavoro, tenaci e produttive perché giovani.  E allora come potranno, i tuoi bambini, diventare gli adulti che sapranno concepire politiche rispettose di tutte le età, se non avranno avuto modo di conoscere (e magari amare) anche dei vecchi?

Dunque, senza cadere nel luogo comune secondo cui a Natale siamo tutti più buoni, sai che le festività sono un periodo critico per chi, per qualsiasi ragione, si trova in difficoltà. Potrebbe essere una idea sensata far incontrare proprio in questo periodo i bambini e gli anziani che vivono intorno a voi.  Fai perciò in modo che, piano piano, con rispetto dei tempi di ciascuno, trovino come interagire. Più piccoli sono i bimbi e più facile sarà. Vedrai che qualcosa succederà quando la signora con tanti anni e pochi amici intorno verrà chiamata da tua figlia Non-nonna. Fosse anche solo un sorriso, succederà.