Carnevale è qui: decoriamo la casa a costo zero

Eccoci ormai nei pressi del Carnevale e magari stai pensando ad una festicciola in casa per i bambini. Ti stimolo un po’ se ti dico che puoi decorare la casa in modo divertente e a costo praticamente zero? Le giornate nevose sono arrivate e dunque può esserti utile avere qualcosa da far fare ai bambini nei pomeriggi in cui, magari, non è così facile uscire all’aperto se non per brevi escursioni per missioni “Free pupazzo di neve” (lo fanno anche in luoghi molto più freddi, quindi non farti scoraggiare e esci lo stesso con i bambini, almeno un po’).

carnevale

credits: Maurizio Albissola.com

Se li guidi un po’, anche i bambini più piccoli si divertiranno a realizzare questi decori. Partiamo sempre da materiale di recupero (se hai letto altri miei post ormai sai che, per realizzare agevolmente tutto quello che ti passa per la testa, devi eventualmente investire solo in attrezzi, non in materiali).
Ciò che ti occorre è facile da reperire: bicchieri monouso usati e sciacquati; riviste e quotidiani vecchi; spago sottile o filo di cotone grosso con relativo ago; colori ad acqua, pennelli, barattolo per l’acqua; forbici e colla vinilica.
Qualsiasi cartoncino di risulta, magari della scatola dei biscotti o dei cereali, pinza punti metallici, nastro adesivo di carta.
Per prima cosa immagina i tuoi bicchieri che si trasformano in mascherine tridimensionali da appendere in giro per casa (al bastone delle tende per metterli proprio davanti alle finestre, oppure ai lampadari per posizioni più centrali). Immagina di applicare un naso in mezzo ai buchi degli occhi. Bene, proprio all’altezza di dove faresti i buchi, fai un paio di giri di nastro adesivo di carta. Ora disegna i buchi a forma di mandorla proprio come quelli delle maschere e poi incidili con una forbicina. Il nastro adesivo impedirà alla plastica leggera dei bicchieri di rompersi, nonché di colorare opportunamente il contorno degli occhi. Allo stesso modo, un po’ più in basso, inciderai la bocca sorridente (oppure arrabbiata se la maschera vorrà essere paurosa). Ora, per fare il naso puoi fare in almeno due modi: o fai una pallina di carta di giornale e colla vinilica, grande quanto basta ad un naso, la fai essiccare su un termosifone e poi la applichi con della colla fresca alla tua maschera, oppure accartocci della carta giornale e la applichi ad uopo con dello scotch carta, che tanto dipingerai alla fine. Ora ciascun bicchiere così fatto può trasformarsi in faccina di pagliaccio con le espressioni più buffe. Il bicchiere stesso sarà quindi decorato ulteriormente con un cono di cartoncino, per esempio, e con un giustacuore di carta, fatto magari con una striscia di foglio di giornale piegata a zig-zag e chiusa a disco con un punto metallico e poi applicato sotto la faccina (tipo Pierrot). In quel caso ricordati una lacrima da dipingere sotto un occhio. E sbizzarrisciti con la fantasia!
Con delle frange fatte di striscioline di carta di giornale passato nella macchinetta per fare le tagliatelle, puoi fare i capelli di qualsiasi personaggio, nonché criniere di cavalli e di leoni… Le retine delle arance sono ottimo materiale per fare eventuali abbellimenti, non sottovalutarne la versatilità e non buttarle nella pattumiera. Ogni bicchierino-maschera andrà poi infilato con l’ago e il filo al quale avrai praticato un grosso nodo che fermerà il tutto. Lascia il filo lungo quanto ti occorrerà per appendere le mascherine e casomai infila anche dei grossi papillon fatti di carta di giornale colorata. Un modo per colorarle facilmente è di mescolare un po’ d’acqua e un po’ di colore ad acqua e mettere il tutto in bottigliette di plastica (quelle dell’acqua vanno benissimo) alle quali avrai praticato piccolissimi fori sul fondo, con uno spillo (ma devono essere piccolissimi i buchi e tanti). Utilizzerai dunque le bottigliette così preparate come degli spray per spruzzare goccioline colorate sulle tue creazioni di carta (prima di appenderle, mi raccomando!) Più colori diversi utilizzerai e migliore sarà il risultato e ricorda che il colore non deve essere troppo liquido. Insomma, pensa che tutto questo può essere realizzato in fasi distinte e ogni pomeriggio di noia-neve-pioggia potrai farne completare una ai tuoi bimbi e ai loro annoiati amici venuti magari per una merenda a base di faccine fatte di frutta tagliata e composta nei piattini (divertiti  a fare anche quelle, se hai tempo, ti ci vuole solo un po’ di fantasia). Dischetti di cartone colorato infilati a due a due con l’ago in due punti ciascuno, poi, possono diventare facilissimi festoni e per farli puoi tranquillamente utilizzare le scatole dei cereali o dei biscotti. Fai ritagliare con forbici giuste, ai bimbi, tanti dischetti dopo averli disegnati aiutandoti con un bicchiere e una matita. Abbinali poi a due a due facendo combaciare la parte non stampata. Infilali (o farli infilare a loro, se ti fidi) ogni coppia con l’ago e il filo e distanzia le coppie opportunamente tra di loro. I festoni così realizzati risulteranno colorati e originali e ai bambini sarà piaciuto così tanto realizzarli che dopo la festa non vorranno più rimuoverli! Se però non dovessi avere il tempo per seguire la realizzazione di questi decori, niente paura. Fidati dei tuoi ragazzi e se dovessero fare piccoli danni come macchie di colore qua e là, sorridi: a Carnevale ogni scherzo vale!