Permessi per la malattia dei figli: come funzionano

In ufficio le mamme sono spesso penalizzate rispetto alle donne single che hanno più elasticità negli orari e non si trovano alle prese con i bambini che si ammalano frequentemente soprattutto durante gli anni in cui frequentano la scuola materna.
Ma quali sono i diritti di una mamma che lavora che si ritrova con il bambino ammalato? Quanti giorni o permessi è possibile richiedere? I congedi sono retribuiti? Sul sito dell’INPS potrai trovare tutte le risposte. Ma ricapitoliamo tutto in poche righe.

permessi per malattia

credits: blognotes

Secondo l’art. 47 Dlgs 151/2001 nel caso di malattia del bambino/a i genitori hanno diritto ad assentarsi a turni alterni dal lavoro.

I permessi che spettano ai genitori sono diversi a seconda dell’età del bambino:

Permesso di lavoro nel caso di bambino al di sotto dei 36 mesi

Per i primi 3 anni di vita del bambino entrambi i genitori hanno diritto a permessi per malattia del piccolo, sebbene a giorni alterni e senza nessun limite di tempo, anche se si tratta di una malattia non in fase acuta.

Permesso di lavoro nel caso di bambino sopra i 36 mesi

A partire dai 4 fino agli 8 anni del bambino, ogni genitore può usufruire al massimo di 5 giorni lavorativi all’anno, per un totale massimo di 10 giorni che possono essere sempre utilizzati alternativamente.

La documentazione da produrre per usufruire dei permessi per malattia dei figli

Non basta il certificato redatto dal medico di fiducia del genitore ma è necessario presentare un certificato di un medico specialista del SSN o convenzionato.

Il genitore che si astiene dal lavoro per usufruire dei permessi, dovrà rilasciare una dichiarazione attestante che l’altro genitore non si trovi in astensione dal lavoro negli stessi giorni per il medesimo motivo.

A prescindere dall’età del bambino ammalato, non sono previste visite di controllo né per il figlio né per il genitore che lo accudisce e i congedi parentali non vengono retribuiti. In questi casi però, può essere richiesto l’anticipo del trattamento di fine rapporto (TFR). Le assenze per malattia del bambino di età compresa tra il terzo e l’ottavo anno saranno comunque coperti da contribuzione figurativa (punto 8, circ. n. 15/2001 ).

Nel caso in cui il proprio figlio venga ricoverato in ospedale durante il periodo di ferie di un genitore, è possibile chiedere la sospensione delle ferie per l’intera durata del ricovero.