Litigi tra fratelli

03 febbraio 2013- di

La mia tendenza è sempre stata quella di lasciarli fare e di renderli autonomi, nella gestione dei conflitti esattamente come nel disbrigo delle attività quotidiane: lavarsi, vestirsi, asciugarsi i capelli, gestirsi i compiti, la cartella, apparecchiare, rifarsi il letto.
Ci sono però due momenti in cui dalitigi tra fratellivvero fatico a non intervenire e riguardano entrambi i litigi: quando urlano e quando si picchiano.
Quando urlano  devo fare appello a tutta lamia inesistente capacità di isolarmi, per difendermi dall’inquinamento acustico che sono capaci di produrre, quando si picchiano non faccio appello a nulla  e piombo come un falco.
So bene che i litigi sono un momento di crescita e di formazione del carattere e, come tali, quando non trascendono  andrebbero lasciati senza intervento.