Una storia (vera) di Natale: Gesù, un bambino come me

Vorrei raccontare una piccola storia di Natale, lieve da leggere, ma importante per me, dal momento che i protagonisti siamo proprio noi, io e il mio bimbo che si chiama Killò e ha quattro anni.

Molti pensano che lui sia speciale, perché ha la Sindrome di Down, e lo penso anche io, ma per la sua unicità, per l’insieme delle sue caratteristiche di cui la Sindrome di Down è solo un particolare.

C’è stato qualche giorno fa, alla scuola materna, il laboratorio creativo in cui i genitori insieme ai figli avevano il compito di costruire i personaggi del presepe con materiali di riciclo; a me e Killò è capitato in sorte Gesù. :)
Ci siamo messi all’opera, armati di pazienza, tempere e un tubetto di carta e, dopo circa una ventina di minuti, nelle nostre mani ricoperte di colla e cotone è apparso il bambinello. Killò lo ha accolto però con una certa sufficienza e guardandolo, mi ha detto: «Occhiali», in quella sua lingua strana di cui io sono traduttrice ufficiale. Quasi in automatico gli ho chiesto se avesse gli occhiali sporchi, e lui ha esclamato un «Noooo!» sbuffante e ci ha aggiunto un sorrisetto eloquente.
Mi ha detto poi due paroline, «iali sù», che forse all’orecchio inesperto non spiegano molto in più, ma che a me hanno cancellato ogni dubbio. Gli ho chiesto solo di che colore li volesse, ma la risposta la conoscevo.
«Blu Killò».
E quando ho disegnato un bel paio di occhiali squadrati sul viso del nostro Gesù, con un pennarello di un blu proprio uguale a quello dei suoi, Killò mi ha finalmente concesso il suo sorriso più entusiasta, quello che conosco e amo.

Questa storia finisce qui, con un Gesù che ci vede benissimo, pienamente integrato nel suo presepe, e che ha strappato parecchi sorrisi e qualche luccicone. La nostra storia invece continua, con qualche salita e uno splendido panorama. A volte penso che Killò abbia disegnato anche a me un bel paio di occhiali blu, perché ora vedo sfumature che prima non notavo e riscopro il mondo attraverso i suoi occhi.
Buon Natale, fatto su misura per te.