Ghirlande natalizie fai da te

Nello spirito del Natale, c’è chi si butta di testa e c’è che ci entra piano piano. Con l’intento di favorire un graduale avvicinamento a questa ricorrenza ecco come si può confezionare una ghirlanda decorativa. Magari da posizionare sulla porta d’ingresso.

credits Monica Penitenti

Io sono partita dalla raccolta di rami di salice che ho intrecciato a ghirlanda, ma se non ne hai la possibilità, ti suggerisco di usare vecchi giornali quotidiani. In quel caso prendi un foglio intero (quindi 4 pagine) e fanne un torcione da chiudere a cerchio, aiutandoti con nastro adesivo di carta. Avvicina tanti torcioni  tra loro fino a che raggiungi lo spessore della ghirlanda che più ti piace. Cerca di dare un aspetto più simile ad una ghirlanda omogenea che ti riesce ma non avvilirti se la prima volta non ti riesce. È solo giornale, quindi se dovessi buttare la prima corona, poco male. Quando avrai ottenuto un cerchio bello tondo e fissato bene con il nastro adesivo che avrai fatto girare tutto intorno allo spessore,  potrai cominciare a guardare nei cassetti di casa. Incredibilmente, guardandovi con intenzione mirata al ritrovamento di materiale da utilizzare per decorare la tua ghirlanda natalizia, ci troverai un mondo! Non sospettavi, infatti, che i calzini spaiati dei bambini, tagliati dalla punta delle dita al calcagno e riempiti di ovatta, poi chiusi con ago e filo di lana, potessero diventare palline colorate e morbide e leggere che accoppiate per benino con un fiore da bomboniera, o una farfalla ritagliata da un vecchio spartito musicale,  fossero così decorativi, vero? Fallo. Muoviti con lo spirito di non comprare nulla e di utilizzare, piuttosto, solo cose che, forse, avresti buttato via. Hai un vecchio jeans che nessuno più potrebbe usare? Tagliane delle strisce larghe 4 cm e lunghe più possibile e, al primo lavaggio, infilale in lavatrice e lascia che si sfrangino. Quando saranno asciutte, stirale lasciando che lo sfrangiamento sia evidente e usa quei nastri originali per avvolgere la tua ghirlanda.
Se l’hai fatta di carta di giornale e nastro adesivo, avrai infatti bisogno di ricoprirla. Usa quella tua fettuccia come fosse una benda e “fascia” la ghirlanda. Abbina vecchi nastrini di bomboniera (che avevi conservato, vero?), oppure pigne piccole che troverai nella prossima camminata in montagna con i bambini, oppure bottoni che potresti fissare, per esempio, con i fili di rame che sono dentro a quella matassa di fili elettrici non più a norma che gira per casa da anni…