Arriva l’inverno e con esso il primo raffreddore

Per quanto possiamo coprirli ed evitare i luoghi affollati come i centri commerciali, c’è sempre la possibilità che il nostro piccolo prenda il suo primo raffreddore. Non è un dramma, ma è un forte disagio per lui che fatica a respirare, succhiare il latte e dormire, e per noi che non sappiamo come alleviargli questo fastidio.

Ci sono ben poche cose da fare, ma quelle poche, facciamole:

credits: LizMarie_AK

1) la prima cosa, quella più importante, è liberargli il nasino. Questa operazione si può fare anche senza il raffreddore, se sentiamo che ha il naso chiuso. Basta mettergli un po’ di soluzione fisiologica nelle narici (le vendono in farmacia), aspettare un po’ ed eventualmente aspirare con le cannuline fatte apposta. Ce ne sono di diverse marche, fatevi consigliare dal negoziante o dal farmacista un aspiratore nasale con la parte che va inserita nel nasino morbida, per non graffiarlo.

Si può usare anche solo la soluzione fisiologica che comunque scioglie il muco e la si può usare anche tramite aerosol.

Protesterà molto, ma dopo respirerà molto meglio.

2) Mettergli un cuscino piccolo o una copertina sotto il materasso, per inclinarlo un po’. In questo modo il muco tenderà a uscire e lui sentirà meno fastidio.

3) Umidificare la stanza. Consigliano di farlo sempre, se l’ambiente è secco (soprattutto con il riscaldamento o la pompa di calore accesi), ma in particolare, se il bimbo ha il naso chiuso, può essere utile per non seccare il muco nelle narici.

Per il resto c’è ben poco da fare, a meno che il raffreddore non sia accompagnato da febbre e altri sintomi, in quel caso chiamate il pediatra!