Come calmare il neonato quando è agitato

Nei primissimi mesi di vita del neonato, la mamma impara a decodificare il pianto del bambino e all’inizio non sempre ci riesce con il risultato di avere un bambino nervoso e tanto stress perché non sa come comportarsi e come calmare il piccolo.

neonato

credits:  Spigoo

La maggior parte delle mamme consulta il pediatra e le risposte sono sempre le stesse.

Si tratta di una situazione che interessa molte mamme, e la cosa principale da sapere è che si tratta di una fase transitoria e non influenza il carattere del bambino per il resto della sua vita.

Tuttavia, è comunque importante indagare con obiettività per comprendere se la crescita del bambino avviene in modo corretto. In effetti in rari casi un comportamento strano del piccolo può dipendere da una patologia neurologica o di altra natura. Quindi la prima cosa da fare è di fissare una visita dal pediatra.

Se dopo la visita dal pediatra i fastidi persistono, sarebbe opportuno consultare uno psichiatra infantile, che si potrà analizzare le dinamiche famigliari, l’ambiente in cui vive il piccolo ed eventualmente correggere alcune abitudini che influiscono negativamente sulla tranquillità emotiva del piccolo.

Inoltre, andando sul pratico, cerca di evitare la televisione, la musica e giochi che potrebbero agitarlo;  lascia piangere il bambino un po’, ogni giorno qualche minuto in più. L’obiettivo è di fargli capire che tu sei lì per lui, lo ascolti, ma non subito, affinché possa imparare pian piano a calmarsi da solo.

Segui @dmbambino