Guida al neonato: come prepararsi al giorno 1

La prima volta che vedrai il tuo bambino neonato sarà probabilmente in sala parto.
A seconda di come sarà andata, dal fatto che sarà la prima o l’ ennesima esperienza, dal tipo di parto che hai avuto, dall’epoca gestazionale in cui è avvenuto, questo contatto sarà più o meno emozionante, sarà o non sarà ancora il momento dell’innamoramento, piangerete di gioia o di dolore, o non piangerete affatto.

Non c’è nulla che fa arrivare completamente preparate a quel momento, ma ci sono sicuramente alcune cose che ti aiuteranno a credere di essere preparate.
Che è già qualcosa.

1. Avere la borsa pronta per tempo, perché è sempre possibile, anche se non auspicabile, un ricovero durante la gravidanza o un parto pretermine.
E mandare il papà a recuperare l’occorrente sarà per te e per lui fonte di grande stress.

Il prericonoscimento

2. Aver scelto il nome o i nomi, se non sai il sesso. Avere eventualmente fatto il pre-riconoscimento se non siete sposati.

Cosa significa?
Per le coppie sposate non è necessario che si presentino entrambi i genitori all’anagrafe o all’ufficio preposto dell’ospedale per registrare il piccolo, per quelle non sposate invece, occorre la presenza di tutti e due a meno che non sia stato fatto il pre-riconoscimento prima della nascita.

In questo caso può andare anche solo il papà.
In genere vi diranno che questa pratica non serve perché ci sono fino a 10 giorni per registrare il bambino in Comune. Chi ve lo dice non tiene in considerazione che i primi 10 giorni possono essere veramente difficili, il neonato o la mamma potrebbero anche essere ancora ricoverati, e la denuncia di nascita potrebbe non essere una operazione semplicissima. Non vi costa niente, fatelo.