Come prevenire la SIDS o morte in culla

La SIDS è la sindrome della morte improvvisa del lattante, definita anche – erroneamente – morte in culla.
Bastano alcuni accorgimenti per difendere i neonati dalla sindrome della morte improvvisa. Dormire sempre a pancia in su, non troppo coperti e in un ambiente non eccessivamente riscaldato e allattarli al seno anche di notte.

sids

credits: PublicDomainPictures

La sindrome della morta improvvisa è l’improvviso e inspiegabile decesso che colpisce i piccoli sotto l’anno di età, spesso nel sonno.
Gli esperti di tutto il mondo stanno ancora studiando questo fenomeno per comprenderne le cause e rendere completamente efficace la prevenzione.

SIDS, le cause: l’ipotesi più accreditata

L’ipotesi più accreditata sostiene che la morte improvvisa sia provocata dall’immaturità dei centri di controllo del respiro e del battito cardiaco che si trovano nel cervello. Quando il bambino presenta brevi (e di solito normali) momenti di apnea, questi centri non completamente sviluppati, non riuscirebbero a mantenere una sufficiente attività.
L’apnea temporanea normalmente stimola i centri respiratori e fa riprendere il respiro. Quando si verifica la SIDS, il bambino non riesce più a riprendere un corretto ritmo respiratorio.
L’ipotesi e la credenza che la SIDS sia dovuta a rigurgito è stata completamente smentita, annientando l’abitudine di far dormire i neonati a pancia in giù.
Invece dormire proni favorisce il sonno profondo, quindi l’apnea prolungata, pertanto diventa un possibile rischio. Fin dai primi anni novanta gli esperti consigliano di far dormire i neonati a pancia in su, posizione che costituisce un fattore protettivo.
Altri piccoli accorgimenti per prevenire la SIDS

Oltre a far dormire il neonato sulla schiena, ecco altri accorgimenti prevengono che la SIDS.

1. Usa un materasso rigido: così eviti che il viso del bimbo si affossi nel morbido rischiando il soffocamento.
2. Elimina cuscini e peluche da dentro al lettino: possono scivolare sul viso del piccolo. I tessuti che li compongono, inoltre, trattengono polvere e possono causare irritazioni alle vie aeree, altro fattore di rischio per la morte improvvisa.
3. Non scaldare troppo l’ambiente dove dorme il bimbo: la temperatura ideale è tra i 19-20°C. Una temperatura più elevata favorisce le apnee.
4. Non fumare: l’effetto tossico di nicotina e prodotti della combustione impediscono lo sviluppo completo dell’apparato respiratorio del bambino.
5. Non dormire nello stesso letto con il bambino: la SIDS, secondo gli esperti americani, è associata al co-sleeping. I genitori o i fratellini possono, senza volerlo, impedire la normale respirazione del piccolo.
6. Offri il ciuccietto: la conformazione del ciuccio nella bocca del piccolo, consente di aver sempre ben aperte le vie respiratorie.
7. Allatta il piccolo al seno: i piccoli allattati al seno sta misticamente sono i meno colpiti dalla SIDS.