Pronti per la vacanza al mare?

Il mese di maggio porta con sé quella sensazione dell’estate che si avvicina e del periodo di vacanza che sta per cominciare.
E chi ha bimbi piccoli, di circa un anno, sa bene che maggio è anche il momento delle decisioni e delle prenotazioni per le vacanze da organizzare magari a giugno, da sempre mese dedicato proprio ai bimbi più piccini che hanno bisogno di passare le vacanze all’aperto, meglio se a contatto con la natura.

Per qualcuno magari si tratta anche della prima vacanza che porta con sé tanta emozione ma anche qualche dubbio per la scelta della meta perfetta, dove poter godere appieno di quei giorni speciali da trascorrere con i propri bimbi.
In ogni caso qualsiasi sia la meta prescelta – che sia al mare oppure in montagna, nella tranquillità dell’entroterra o sulle sponde di un lago – la regola aurea è una sola: passare qualche giorno per far sentire il tuo bambino più vicino alla natura.

Perché dopo un lungo inverno in casa, alle prese con raffreddori e malanni di stagione, noi mamme abbiamo voglia di vedere i nostri bimbi giocare fuori.
A dire il vero sono davvero tante le possibilità per trascorrere qualche giornata all’aperto con i bimbi piccoli godendosi anche un po’ di meritato riposo in mezzo alla natura. Sulla base della mia esperienza di mamma che ama viaggiare provo a dare qualche idea per chi volesse organizzare qualche giorno fuori rimanendo in Italia, qualcosa di sperimentato insomma, per offrire un po’ di spunti a chi sta proprio in questo momento pensando alle vacanze.

Iniziamo dal mare che è un classico delle vacanze con i bimbi piccoli.
Perché cosa c’è di più bello di vederli giocare con la sabbia o rincorrere le onde che giungono fino a riva?

E sulla spiaggia i nostri piccoli possono gattonare, muovere i primi passi o consolidare quella camminata un po’ incerta che ci fa tanto sorridere e che li rende così cuccioli.
L’Italia si sa è terra di mare e di coste e allora come scegliere la meta perfetta?
La premessa d’obbligo è che le destinazioni per i piccoli sono davvero tantissime e c’è solo l’imbarazzo della scelta.
Si potrebbe iniziare considerando le località bandiera blu, ovvero quelle con il mare più pulito.
Nel 2012 sono state ben 131 le località italiane premiate con in testa la Liguria – con il suo clima perfetto per tutto l’anno e i suoi piccoli borghi – seguite dalle Marche e dalla Toscana, poi Abruzzo e Campania.

In Liguria, per esempio, tra gli altri ci sono Ameglia e Spotorno. Nelle Marche Porto Recanati e Senigallia. In Toscana Bibbona e Camaiore sono spiagge bandiera blu. In Abruzzo ci sono le spiagge di Alba Adriatica e Fossacesia per esempio. Tanta la scelta anche in Campania tra le spiagge di  Pollica e Positano.
Quindi perché non scegliere una di queste mete per i nostri bimbi, certi che si godranno uno dei mari più belli – e più puliti – d’Italia? Altra cosa da tenere presente per scegliere la destinazione di una vacanza al mare con i piccoli potrebbe essere la possibilità di avere a portata di mano parchi o pinete dove trascorrere le ore più calde della giornata. In questo caso l’Abruzzo – ma anche il Veneto – possono essere ottime mete, dove oltre al mare pulito i piccoli potranno trovare luoghi dove riposare o giocare nelle ore più calde e assolate, quando andare in spiaggia non è possibile, nemmeno rimanendo sotto l’ombrellone.
Infine un altro criterio per la scelta della meta perfetta potrebbe essere l’attenzione ai più piccoli. E in questo mi sento di citare l’Emilia Romagna, da sempre attenta ai piccolissimi viaggiatori con strutture alberghiere capaci di supportare le mamme e i loro bimbi con tutto il necessario – lettini, seggioloni, scaldabiberon e perfino il medico di fiducia in caso di necessita o la baby sitter per lasciare i bimbi in mani fidate e godersi una serata romantica. Ma in Riviera la scelta è vasta e comprende anche camping e case in affitto, per chi desidera un’atmosfera più informale – senza vincoli di orario – o per famiglie “allargate”, magari con la presenza di un amico a quattro zampe. Anche in questo caso non mancano le località romagnole premiate come “bandiera blu” e da queste parti l’attenzione ai piccoli è davvero una tradizione riconosciuta nel mondo, con spiagge super attrezzate e personale pronto a comprendere le esigenze delle famiglie con i bimbi.
Infine l’annoso dilemma tra sabbia o sassi: ciascuno ha la sua preferenza ma se in Emilia non mancano le lunghe spiagge sabbiose una miriade di sassolini multicolori punteggia invece alcune delle più belle spiagge dell’Isola d’Elba rendendole per questo conosciute in tutto il mondo.
Insomma, questione di gusti ma di certo non è difficile trovare il mix perfetto, ovvero una località capace di essere accogliente con i bimbi e con i genitori, vantare un mare pulito e offrire anche alternative per trascorrere le ore più calde del pomeriggio sempre a contatto con la natura.

Vuoi leggere altri consigli su come vivere più vicini alla natura? Leggi lo speciale.