Candida: un’infezione ma anche altro

La Candida è un microrganismo che fa parte della categoria dei funghi. Colonizza abitualmente la nostra vagina ed il nostro intestino, convivendo insieme ad altri microrganismi senza dare alcun problema.

credits: _nikochan_

La vulvovaginite da Candida si verifica quando le difese del nostro organismo si abbassano (per infezioni, farmaci, stress…), la Candida diviene il microrganismo predominante e si scatenano i sintomi: prurito, perdite bianche dense, gonfiore e rossore della vulva. È sufficiente utilizzare per qualche giorno un crema o degli ovuli vaginali per risolvere il fastidio.

L’Infezione da Candida è davvero molto frequente: il 75% delle donne ha almeno una volta nel corso della sua vita una vulvovaginite da Candida.

credits: bluestardrop

Il problema si ha quando la donna presenta frequenti infezioni da Candida: compare la sintomatologia tipica, si applica la crema locale, si sta meglio per un po’ ed ecco che di nuovo dopo qualche settimana ricompaiono i sintomi che ci tormentano.
Le recidive spesso sono il sintomo di un problema di intolleranza alimentare responsabile di alterazione della normale flora batterica intestinale e anche della normale flora vaginale.

credits: bluestardrop

In questi casi è fondamentale oltre ai farmaci, correggere anche un’alimentazione sbagliata, seguendo queste semplici regole a tavola:

1. Evitare il consumo di zuccheri raffinati (dolci, zucchero, miele)

2. Consumare 1 frutto al giorno (non poco ma nemmeno troppo: la frutta fermenta nell’intestino, aumentando il lavoro della flora batterica intestinale)

3. Evitare latte e latticini

4. Utilizzare probiotici (lattobacilli sia in capsule orali che vaginali per ripristinare la normale flora batterica vaginale)

È buona norma inoltre cercare di mantenere una buona regolarità intestinale ed evitare la biancheria sintetica e colorata: le classiche mutandine bianche saranno poco accattivanti ma spesso aiutano a combattere fastidiosi bruciori e pruriti intimi!