Speriamo che sia femmina: scegliere il sesso del nascituro in anticipo

Fin dal primo momento in cui decidi che vorresti un bambino cominci a fantasticare sul sesso del nascituro. E si sa, chi è che non ha mai provato a cercare con google dei metodi per influenzarlo durante il concepimento? Tutte.

credits: gabi_menashe

Nell’antichità le convinzioni al riguardo erano bizzarre e fantasiose: per esempio, a chi voleva a tutti i costi un maschietto veniva consigliato di fare l’amore pensando a un oggetto di ferro.
Un’altra corrente che sembra abbia radici ai tempi di Aristotele, è quella relativa al momento in cui si svolge la fecondazione in rapporto all’ovulazione; tale tesi fu abbandonata perché non poteva spiegare la nascita di gemelli di sesso diverso.
In altre culture, invece, si crede che, per avere un maschio, la coppia dovrebbe avere rapporti sessuali con la testa rivolta verso nord.

Oggi si sa – ma non è scientificamente provato – che gli accorgimenti per aumentare le probabilità di avere un maschio oppure una femmina sono relativi alla dieta e al momento del concepimento. Più si è rigorosi nel seguirli più aumentano le probabilità di successo, anche se ovviamente la garanzia non può mai essere assoluta.

Il sesso del bambino è determinato dal padre ed esattamente dalla tipologia di spermatozoo che per primo riesce a fecondare l’ovocita femminile.
Gli spermatozoi maschili possono contenere o il cromosoma sessuale X o il cromosoma sessuale Y: il primo determina la nascita di una bambina, il secondo di un maschio. L’ovocita femminile contiene invece solo il cromosoma X.

E tu, hai mai provato a influenzare il sesso del nascituro in qualche modo?