Seno a prova di bebè

20 novembre 2012- di

Le strategie giuste per avere un décolleté alto e sodo dopo aver allattato? Creme rassodanti, docce effetto push up ed esercizi mirati in acqua.

allattamento

«Se nelle prime settimane di gravidanza il seno può essere dolorante a causa degli stravolgimenti ormonali, nei mesi successivi diventa turgido e florido perché la ghiandola mammaria cresce di volume e aumentano i dotti galattofori, ovvero i canali attraverso cui passa il latte. Di conseguenza la pelle si tende» spiega la ginecologa Carla Furno Marchese. «Con l’allattamento, però, i tessuti si rilassano e la tonicità diminuisce. Ma il rimedio c’è. Per un seno a prova di scollatura si possono usare creme elasticizzanti specifiche da applicare con massaggi circolari, almeno una volta al giorno, fin dall’inizio della gravidanza». Chi non è freddolosa e non teme i brividi può anche provare le docce alternate caldo-freddo che hanno un immediato effetto push-up. Alla mattina, per circa 1 minuto (sempre a intervalli di 10 secondi), si alternano acqua calda e fredda sotto la doccia con movimenti  circolari. Quest’azione allena le pareti dei vasi sanguigni e tonifica le fibre dei tessuti. L’efficacia aumenta applicando uno speciale microfono, da attaccare al tubo della doccia, con getto d’acqua rotante. Ma per un seno sodo e alto è importante anche rinforzare i muscoli pettorali, sforzandosi di praticare attività fisica, meglio se in piscina, almeno una volta alla settimana. «Per esempio, mimando un abbraccio molto ampio in acqua si stimolano i muscoli del petto e delle braccia» spiega Andrea Gilardoni, docente EAA (European aquatic association). «Così, attraverso il movimento dell’acqua, si attiva anche il linfodrenaggio che funziona come un automassaggio. Un altro esercizio efficace è spingere le braccia in avanti, sia una per volta sia insieme, alternandole a delle spinte incrociate. Tre ripetizioni da 10 spinte sono sufficienti».

Tratto da Il Bambino, il giornale per le mamme e i papà di Donna Moderna