Trucchi per non litigare davanti ai bambini

Succede in tutte le famiglie, è inutile nasconderlo o negarlo: mamma e papà litigano. Partendo dal presupposto che litigare spesso fa bene (una coppia che non litiga mai, per me, non è una coppia sana), bisogna comunque fare attenzione a non lasciarsi andare davanti ai figli, grandi o piccoli che siano: assistere ad una lite tra i genitori non fa bene. Ma come si fa a controllarsi? Quali accorgimenti possiamo prendere per tutelare i bambini?

litigare

credits: Professor Bop

Discutere invece di litigare

Quando i nostri figli sono presenti e la situazione non ci permette di allontanarci o di rimandare il problema, cerchiamo il più possibile di trasformare il litigio in una discussione pacifica. Facciamo attenzione alle parole e cerchiamo di costruire frasi propositive e non distruttive. Lo so che è difficile, a volte impossibile, ma provarci farà bene a noi, che pensando di più eviteremo di dire cose spiacevoli, e farà bene al bambino il quale, oltre a non spaventarsi, imparerà a mediare i conflitti e a gestire la propria rabbia. Ricordiamoci che i bambini imparano da ciò che vedono.

Non urlare

Sembra impossibile, ma non lo è. Non urlare è fondamentale per evitare traumi a un bambino testimone involontario di una discussione tra i genitori. Le urla spaventano e in ogni caso peggiorano soltanto la situazione. Sono sempre stata un’urlatrice convinta, una lite che si rispetti per me doveva finire con una porta sbattuta e il bruciore in gola. Poi ho conosciuto lui, che parla piano e non urla. Dopo le prime volte in cui mi sono sentita pazza ad urlare da sola, ho smesso e ringrazio che questo cambiamento sia avvenuto prima della nascita di mia figlia: non potrei sopportare di vederla attonita di fronte a mamma e papà che si urlano contro vicendevolmente.